pubblicità

lunedì 28 novembre 2011

Faraona alle nocciole




La regione Umbria, sia da un punto di vista territoriale, che culturale e
storico, è in ogni sua forma essenzialità e semplicità. Questa terra, senza
sbocchi sul mare, collinare, con un clima mite e crocevia importante per tutti
coloro che transitano in Italia, esercita un fascino che è ormai riconosciuto in
tutto il mondo. L’aspetto agreste, gli importanti centri medioevali che
conservano ancora un raffinato incanto sono il palcoscenico dei prodotti
tipici.
Bisogna ricordare che in questa regione è
probabile incontrare ricette e specialità presenti nella cucina di tutto il
centro Italia. Il motivo di questo è dovuto nelle ripetute variazioni di confine
che la regione ha subito nei secoli.
Questo piatto originariamente veniva preparato con la pernice o il fagiano, ma nel corso dei secoli il volatile usato è cambiato nella faraona.
Per preparare questo piatto occorre:
1 faraona 1 bicchiere di olio 2 bicchieri di vino 1 carota 1 cipolla a pezzi, Pepe in grani, Timo, Alloro, Burro (in origine grasso d'oca) 3 cipolline, 100 gr di pancetta, dadolata 1/2 bicchiere di brandy, 30 gr di nocciole, Sale, pepe, Una pagnotta di pane cotto a legna affettata
Procedimento: In una terrina, versate l’olio, vino bianco, carota, cipolla tagliate a pezzi, grani di pepe, timo e alloro. Tagliate in otto il volatile e marinatelo per quattro ore su questo fondo.
In una casseruola, fondere 40 gr burro, rosolarci la pancetta e le cipolline intere. Scolare la faraona conservando il liquido. Aggiungete i pezzi di faraona asciugati sigillandoli da tutte le parti. Aggiungere il brandy e flambare.
Quindi il liquido della marinata e le nocciole. Portare a cottura per 30 minuti. Bilanciare di sale e pepe.
Tostare le fette di pane. Adagiarvi sopra i pezzi di carne e la salsa precedentemente ridotta.
Fonte: La cucina umbra, Roma 2003
Ricetta realizzata da: Cicciari Giuseppe; Gori Lorenzo; Rosati Sara; Tranquilli Alessia.
Classe: 4° A Ristorazione

2 commenti:

  1. grandi... i "pionieri" della cucina dell'800
    ricetta da provare assolutamente al più presto

    RispondiElimina
  2. Ho provato questa ricetta è veramente buonissima, quando ho un momento libero sono curioso di provare anche le altre.

    RispondiElimina